FONDO DI GARANZIA – LEGGE 662/96

 

Cos'è

E’ un Fondo istituito presso il Ministero per lo Sviluppo Economico che ha lo scopo di favorire l’accesso al credito delle Piccole e Medie Imprese (PMI), attraverso il rilascio di una garanzia pubblica sui finanziamenti erogati dalle banche. Grazie alle risorse disponibili nel Fondo, infatti, lo Stato si fa garante del rimborso del prestito da parte dell’impresa, consentendo così una più facile erogazione del finanziamento.

Beneficiari 

Possono accedere al fondo le PMI:

  • valutate “economicamente e finanziariamente sane” mediante appositi modelli, sulla base dei dati di bilancio (o delle dichiarazioni fiscali) degli ultimi due esercizi e della situazione contabile aggiornata a data recente;

  • situate sul territorio nazionale e appartenenti a qualsiasi settore, con l’eccezione dell’industria automobilistica, della costruzione navale, delle fibre sintetiche, dell’industria carboniera, della siderurgia e delle attività finanziarie. Nel trasporti sono ammissibili solo le imprese che effettuano trasporto merci su strada. Le imprese agricole possono utilizzare soltanto la controgaranzia rivolgendosi ad un confidi che opera nei settori agricolo, agroalimentare e della pesca.

Iniziative finanziabili 

Può essere garantito qualsiasi tipo di finanziamento purché collegato all’attività di impresa, ovvero:

  • finanziamenti a medio-lungo termine a fronte di investimenti in beni materiali e immateriali;

  • acquisizione di partecipazioni; prestiti partecipativi;

  • altre operazioni (breve termine, operazioni di consolidamento. liquidità…)

 Agevolazioni concesse

La garanzia è concessa, fino ad un massimo dell’80% del finanziamento, su tutti i tipi di operazioni sia a breve sia a medio-lungo termine, tanto per liquidità che per investimenti.

Il Fondo garantisce a ciascuna impresa un importo massimo di 2,5 milioni di euro, un plafond che può essere utilizzato attraverso una o più operazioni, fino a concorrenza del tetto stabilito, senza un limite al numero di operazioni effettuabili.

Il limite si riferisce all’importo garantito, mentre per il finanziamento nel suo complesso non è previsto un tetto massimo.

Scadenza 

A sportello

Modalità di accesso 

La domanda per accedere alla garanzia non può essere chiesta direttamente dall’impresa interessata, ma dai finanziatori, ossia:

  • Banche;

  • Sfis (società finanziarie per l’innovazione e lo sviluppo),

  • Confidi (intermediari finanziari), che con il loro patrimonio garantiscono l’accesso al credito alle piccole e media imprese presso le Banche o Società finanziarie.

Ricevuto il parere positivo dal Comitato di Gestione del Fondo, l’operazione di finanziamento deve essere concessa entro 3 mesi. L’attivazione di questa garanzia è a rischio zero per la banca che, in caso d’insolvenza dell’impresa, viene risarcita dal Fondo e, in ipotesi di eventuale esaurimento di fondi di quest’ultimo, direttamente dallo Stato.

Maggiori dettagli al sito:

http://www.fondidigaranzia.it/