Giovedì, 21 Febbraio 2019 09:11

AVVISO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN FAVORE DI INQUILINI MOROSI INCOLPEVOLI CONTRIBUTO RELATIVO ALL’ANNO 2018

Il Comune di San Giovanni La Punta (CT) intende procedere, ai sensi della Legge 28 0ttobre 2013 n. 124 e del decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti del 19 Marzo 2015, in ottemperanza alle Linee Guida della Giunta Regionale del 07/10/2015 e D.D.G. n. 3986 del 24.12.2018, alla individuazione dei nuclei familiari che sono in possesso di sfratto esecutivo per morosità incolpevole ovvero la situazione di sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone locativo a ragione della perdita o consistente riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare.

 

ART.1 - Beneficiari

Sono beneficiari dell’intervento i nuclei familiari, titolari di un contratto di locazione pluriennale (3+2 o 4+4) regolarmente registrato e relativo ad un’unità abitativa ad uso residenziale, che devono rilasciare a seguito di un atto di intimazione di sfratto per morosità, con citazione per la convalida e di ricadere nella disciplina ordinaria prevista per le procedure esecutive di rilascio nell’anno 2018;.

Il provvedimento di sfratto deve essere stato pronunciato a causa di un’inadempienza nei pagamenti, causata esclusivamente dalla perdita o consistente riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare, intervenuta dopo la stipula, per una delle seguenti motivazioni:

- perdita del lavoro per licenziamento;

- accordi aziendali o sindacali con consistente riduzione dell’orario di lavoro;

- cassa integrazione ordinaria o straordinaria che limiti notevolmente la capacità reddituale;

- mancato rinnovo di contratti a termine o di lavoro atipici;

- cessazioni di attività libero-professionali o di imprese registrate alla CCIA, derivanti da cause di forza maggiore o da perdita di avviamento in misura consistente;

- malattia grave infortunio o decesso di uno dei componenti il nucleo familiare che abbia comportato o la consistente riduzione del reddito complessivo del nucleo medesimo o la necessità dell’impiego di parte notevole del reddito per far fronte a rilevanti e documentate spese mediche e assistenziali.

 

Art.2 - Soggetti destinatari dei contributi

1) Inquilini nei cui confronti sia stato emesso un provvedimento di rilascio esecutivo per morosità incolpevole che sottoscrivano con il proprietario dell’alloggio un nuovo contratto a canone concordato;

2) Inquilini nei cui confronti sia stato emesso un provvedimento di rilascio esecutivo per morosità incolpevole la cui ridotta capacità economica non consenta il versamento di un deposito cauzionale per stipulare un nuovo contratto di locazione;

3) l'inquilini nei cui confronti sia stato emesso un provvedimento di rilascio esecutivo per morosità incolpevole, ai fini del ristoro anche parziale del proprietario dell’alloggio che dimostrino la disponibilità di quest’ultimo a consentire il differimento dell’esecuzione del provvedimento di rilascio dell’immobile.

Tale contributo viene erogato direttamente al proprietario previa dichiarazione:

- del numero delle mensilità del canone di locazione non pagate, sino ad un massimo di 12 mensilità;

- di stipulare eventuale nuovo contratto a canone concordato;

- di accettare, nel caso di nuovo contratto a canone concordato, il contributo in conto versamento deposito cauzionale;

- dell’obbligo di non attivare le procedure per il rilascio dell’alloggio almeno per i mesi corrispondenti al contributo percepito, sempre che l’inquilino sia in regola con il pagamento delle mensilità successive.

Eventuale ritardo nella liquidazione della somma dovuta non potrà comportare pretesa alcuna del beneficiario di interesse di sorta a carico dell’Amministrazione.

 

Art.3 - Requisiti di ammissione

I nuclei familiari beneficiari devono, inoltre, essere in possesso dei seguenti requisiti soggettivi:

a) - abbiano un reddito I.S.E. non superiore ad euro 35.000,00o un reddito derivante da regolare attività lavorativa con un valore I.S.E.E. non superiore ad euro 26.000,00;

b) destinatari di un atto di intimazione di sfratto per morosità, con citazione per la convalida e di ricadere nella disciplina ordinaria prevista per le procedure esecutive di rilascio;

c) siano titolari di un contratto di locazione di unità immobiliare ad uso abitativo regolarmente registrato non superiore a 110 metri quadrati maggiorata del 10% per ogni ulteriore componente del nucleo familiare dopo il quarto e non appartenenti alle categorie catastali A1, A8 e A9 e risiedano nell'alloggio oggetto della procedura di rilascio da almeno un anno;

d) cittadinanza italiana o di un paese che aderisce all’Unione Europea o di Paesi che non aderiscono all’Unione Europea, purchè in possesso di regolare titolo di soggiorno e residenti da almeno 10 anni nel territorio nazionale ovvero da 5 anni nella Regione Sicilia;

e) Residenza nel Comune di San Giovanni La Punta; 

 

Art. 4 - Soggetti esclusi dai benefici

a) non titolaritàda parte del richiedente o altro componente del nucleo familiare del:

- diritto di proprietà, usufrutto, uso o su unità immobiliare sita nel Libero Consorzio comunale o Città metropolitana - (L. R. 4 Agosto 2015, n. 15) - di residenza adeguata alle esigenze del nucleo familiare;

- Assegnazione di unità immobiliari di edilizia residenziale pubblica locate secondo la normativa regionale.

b) - soggetti che abbiano rilasciato l’unità immobiliare locata nell’anno solare antecedente la richiesta, assumendo residenza anagrafica in altra Regione.

c) Di non aver usufruito con la dichiarazione dei redditi anno 2018 (redditi 2017) della detrazione prevista dal comma 1 art. 16 del T.U.I.R..

 In merito alle dichiarazioni reddittuali e patrimoniali saranno effettuati controlli a campione a mezzo le competenti autorità.

 

Art 5- Dimensionamento del contributo

L'importo massimo del contributo per morosità incolpevole accertata,è concedibile nella misura massima di dodici mensilità non pagate alla data di presentazione della domanda e non può superare l’importo massimo di € 7.549,83.Il canone di locazione annue rilevabile dal contratto valido e registrato non può essere superiore ad € 8.000,00.

L’elenco dei soggetti richiedenti che hanno diritto al contributo saranno trasmesse alle Prefetture, le quali dovranno tenerne conto nel pianificare gli interventi di sfratto da parte della forza pubblica.

 

Art. 6 - Criterio preferenziale

Costituisce criterio preferenziale per la concessione del contributo la presenza all’interno del nucleo familiare:

- almeno uno dei componenti del nucleo familiare sia: ultrasettantenne, oppure minore, oppure con invalidità accertata per almeno il 74%, oppure in carico ai servizi sociali o alle competenti aziende sanitarie locali per l'attuazione di un progetto assistenziale individuale;

Il contributo sarà concesso tenuto conto dei sopraindicati criter ied eventuali indicazioni emanate dalla RegioneSiciliana fino all’esaurimento e nei limiti delle risorse assegnate al Comunedi San Giovanni La Punta per l’anno 2018.

Tale contributo è alternativo e non cumulabile con i contributi previsti e finanziati con il Fondo nazionale per il sostegno all'accesso alle abitazioni in locazione,istituito dalla legge 9 dicembre 1998,n. 431.

 

Art. 7 Termini presentazione istanza

La domanda per ottenere il beneficio dovrà essere presentata, sui moduli predisposti dall’Ufficio Servizi Sociali, dal titolare del contratto o altro componente il nucleo familiare maggiorenne e a ciò delegato e residente nell’unità immobiliare locata.

L’istanza dovrà essere consegnata o inviata al protocollo generale del Comune di San Giovanni La Punta entro e nonoltre il 31/12/2019 completa della seguente documentazione:

- Modulo di domanda ;

- Copia attestazione I.S.E.in corso di validità;

- Dichiarazione dei redditi (Anno 2019 – Redditi 2017);

- Copia dello sfratto per morosità con citazione per la convalida;

- Copia contratto di locazione munito degli estremi di registrazione, con la relativa tassa pagata;

- copia della lettera di licenziamento o documenti similari;

- copia eventuale certificazione di invalidità superiore al 74/%;

- Autocertificazione delcertificato dellostatodi famiglia eresidenza;

- Copia documento di riconoscimento del richiedente,incorso divalidità.

Sispecifica che il contributo potrà essere erogato solo e nei limiti dell’attribuzione delle risorse da parte del Ministero e della Regione Sicilianae che i richiedenti che presenteranno la domanda dopo la scadenza del termine sopra indicato o mancante della documentazione richiesta saranno automaticamente esclusi.

 

Per ogni opportuno chiarimento rivolgersi all’Ufficio Servizi Sociali, nei giorni di ricevimento al pubblico o all’Ufficio Relazioni con il Pubblico sito all’ingresso del Comune.

 

San Giovanni La Punta, lì

 

 

IL DIRIGENTE SS. AC.

(Dott.ssa M. A. Angemi)

 

IL SINDACO

(Antonino Bellia)